Case In Legno Casilina

Questa scheda è stata visualizzata 170 volte
Case In Legno Casilina
User Rating: 5 (1 votes)

Il dettaglio delle fondazioni per Case in legno Casilina  è davvero il “tallone di Achille” delle case in legno perché, in caso di errori, si mette a rischio la durabilità dell’intero edificio.

Per evitare problemi, basterebbe solo prestare attenzione a ciò che manuali e norme dicono chiaramente. Fondazioni case in legno: quali sono le istruzioni dei manuali tecnici? Il Manuale CLT Associazione Canadese  prescrive che: Il legno deve essere protetto elevandolo dal suolo di almeno 20 cm Il legno deve essere protetto da membrane impermeabili al vapore che lo separino dalle fondazioni in cemento armato Ecco uno schema di posa corretta delle pareti sulle fondazioni per case in legno preso dal manuale canadese CLT:   è un’organizzazione privata senza scopo di lucro specializzata in ricerca, studio e sviluppo di tecnologie e nella creazione di soluzioni a sostegno della competitività globale del settore forestale canadese. Fondamenta casa in legno: quali sono le norme di riferimento? Le uniche norme tecniche che parlano chiaramente di come realizzare le fondazioni per case in legno sono le norme tecniche tedesche DIN 68800-2:2012-02 “Durabilità del legno – parte 2: misure costruttive preventive negli edifici”

Ecco uno dettaglio di posa tipico raccomandato in caso di fondazioni per case in legno: Appoggiare le pareti in legno su un cordolo in cemento armato per elevare la quota delle pareti è solo il primo aspetto importante, ma non è sufficiente. Oltre a questo, si tratta di impermeabilizzare le fondazioni nel modo corretto affinché la durabilità dell’intero edificio sia garantita! I progettisti, quando devono scegliere come costruire le fondazioni per una casa in legno, tendono a fidarsi, dando troppo credito alle capacità e alla preparazione tecnica dei costruttori di case in legno. Succede perché cadono nell’errore di dare per scontato che qualsiasi costruttore di case in legno sappia come fare correttamente una fondazione per case in legno ma, molto spesso, non è così.

Chi rischia di farne le spese sei tu che ti affidi ai consigli del tuo progettista, che a sua volta, si affida ai consigli del costruttore. Ora tu sai quali sono i rischi che corri se qualcuno di cui ti sei fidato trascura questo importantissimo dettaglio per le fondazioni della tua casa in legno. Vale la pena di rischiare? Direi proprio di no! Se vuoi verificare che le fondazioni della tua casa in legno siano realizzate correttamente ti serve l’aiuto qualificato di un tecnico esperto. Perché? Perché, per essere sicuri di aver costruito correttamente il dettaglio delle fondamenta senza incorrere in problemi di durabilità delle strutture di legno serve fare un calcolo di verifica termo-igrometrico

Quello la maggior parte dei costruttori (e progettisti) non sanno è che soltanto con una verifica tecnica che impiega un software di calcolo specifico è possibile verificare il corretto funzionamento delle fondazioni per case in legno. Fondazioni casa in legno: come risolvere? Per comodità (o solo perché si è sempre fatto così) il getto delle fondazioni si fa normalmente con una platea continua che comprende, oltre al perimetro dei muri esterni, anche i marciapiedi. Questo complica (non di poco) la risoluzione termo-igrometrica del nodo di attacco delle pareti in legno. In particolare il ponte termico peggiora a causa della difficoltà di isolare termicamente il cordolo (che spesso non è dell’altezza giusta).L’unico modo di evitare problemi di durabilità al legno è fare una verifica termo-igrometrica con il metodo agli “elementi finiti”. Quello che vedi nell’immagine che segue è il calcolo di verifica termo-igrometrica per il nodo delle fondamenta di una casa in legno di cui ti ho appena parlato.

Tel: 0645548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*