Smaltimento Rifiuti Casilina

Questa scheda è stata visualizzata 72 volte
Smaltimento Rifiuti Casilina
User Rating: 5 (1 votes)

Per gestione dello Smaltimento rifiuti Casilina si intende l’insieme delle politiche, procedure o metodologie volte a gestire l’intero processo dei rifiuti dalla loro produzione fino alla loro destinazione finale coinvolgendo quindi la fase di raccolta, trasporto, trattamento (riciclaggio o smaltimento) fino al riutilizzo dei materiali di scarto, solitamente prodotti dall’attività umana, nel tentativo di ridurre i loro effetti sulla salute umana e l’impatto sull’ambiente. Un interesse particolare negli ultimi decenni riguarda la riduzione degli effetti dei rifiuti sulla natura e sull’ambiente grazie alla possibilità di risparmiare e recuperare risorse naturali da essi e ridurre la produzione di rifiuti stessi attraverso l’ottimizzazione del loro ciclo di gestione.  Principi del sistema integrato italiano

La gestione integrata dei rifiuti in Italia è stata introdotta con il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (“Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio”) (il cosiddetto decreto Ronchi del 1997) emanato in attuazione delle predette direttive dell’unione europea  La materia è oggi raccolta nel d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (“Norme in materia ambientale”) conosciuto anche come Testo unico ambientale e successive modificazioni ed integrazioni in materia  Essa affronta la questione dei rifiuti delineando priorità di azioni all’interno di una logica di gestione integrata del problema.

Esse sono, come descritto nella predetta parte IV negli articoli 180 e 181 nell’ ordine di priorità definito dall’articolo 179 Criteri di priorità (Art 179)  Sviluppo di tecnologie pulite  Ideazione e messa in commercio di prodotti che non contribuiscano o diano un contributo minimo alla produzione di rifiuti ed all’inquinamento  Miglioramenti tecnologici per eliminare la presenza di sostanze pericolose nei rifiuti  Ruolo attivo delle amministrazioni pubbliche nel riciclaggio dei rifiuti e loro utilizzo come fonte di energia  Prevenzione della produzione di rifiuti (Art. 180)  Corretta valutazione dell’impatto ambientale di ogni prodotto durante il suo intero ciclo vitale  Capitolati di appalto che considerino l’abilità nella prevenzione della produzione

Promuovere accordi e programmi sperimentali per prevenire e ridurre la quantità e pericolosità dei rifiuti Attuare il DL 18 febbraio 2005 n. 59 e la direttiva 96/61/CE specifica per la riduzione e prevenzione integrate dell’inquinamento  Recupero dei rifiuti (Art 181)  il riutilizzo, il reimpiego ed il riciclaggio  Produzione di materia prima secondaria trattando i rifiuti stessi  Favorire tramite misure economiche e capitolati nelle gare d’appalto il mercato dei prodotti reimpiegati  Uso dei rifiuti per produrre energia (recupero energetico ossidazione biologica a freddo gassificazione, incenerimento

Infine, solo per quanto riguarda il materiale che non è stato possibile riutilizzare e poi riciclare (come ad esempio i tovaglioli di carta) e il sotto vaglio (ovvero la frazione in piccoli pezzi indistinguibili e quindi non riciclabili di rifiuti, che rappresenta circa il 15% del totale), si pongono le due soluzioni del recupero energetico tramite sistemi a freddo o a caldo, come la bio-ossidazione (aerobica o anaerobica), la gassificazione, la pirolisi e l’incenerimento oppure l’avvio allo smaltimento in discarica. Dunque anche in una situazione ideale di completo riciclo e recupero vi sarà una percentuale di rifiuti residui da smaltire in discarica o da ossidare per eliminarli e recuperare l’energia. Da un punto di vista ideale il ricorso all’incenerimento ed alle discariche indifferenziate dovrebbe essere limitato al minimo indispensabile. La carenza di efficaci politiche integrate di riduzione, riciclo e riuso fanno dello smaltimento in discarica ancora la prima soluzione applicata in Italia ed in altri paesi europei.

Tel: 0645548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*